Blog

Artrosi O Osteoartrosi: Varie Tipologie

by in Uncategorized April 10, 2020

In caso di artrosi dorsale, il dolore compare nella parte centrale della schiena specialmente tra le due scapole: il dolore in genere è localizzato e può essere provocato dai colpi di tosse.

L’artrosi cervicale si manifesta con dolore e rigidità del collo e delle spalle: si possono avvertire anche vertigini, nausea e “rumori” cervicali spesso descritti come “sabbia che fa attrito”.

Il dolore dell’artrosi lombare è quello caratteristico “a sbarra” cioè trasversale nella parte lombare della schiena con possibile irradiazione lungo il nervo sciatico (lombosciatalgia): diventa faticoso alzarsi da una sedia e trovare la posizione comoda a letto

La coxartrosi colpisce l’articolazione dell’anca e si manifesta con un dolore all’inguine che può estendersi alla coscia e fino al ginocchio: la sofferenza cessa con il riposo e riprende con il movimento in particolare dopo aver camminato a lungo, diventa faticoso infilare calze o pantaloni.

L’artrosi al ginocchio è molto frequente proprio perché colpisce un’articolazione particolarmente soggetta a stress: chi ne soffre, fatica soprattutto a scendere le scale.

La rizoartrosi è l’artrosi delle dita e diventa doloroso compiere gesti quotidiani come alzare un bicchiere; se interessa l’articolazione del pollice, il dito si deforma e prende una caratteristica forma a “z”.

Le localizzazioni del processo artrosico risentono di fattori costituzionali, ambientali, lavorativi.

In genere sono più colpite le articolazioni delle ginocchia, delle mani e dei piedi, l’anca, la colonna vertebrale.

Ecco una breve “classifica”:

  • ginocchio: 60%
  • mani: 40%
  • piedi: 40%
  • anca: 35%
  • rachide lombare: 32%
  • •rachide dorsale: 30%
  • rachide cervicale: 25%
  • polso: 15%

Artrosi O Osteoartrosi: Alta Incidenza

L’artrosi è una malattia che si manifesta generalmente a partire dall’età di 40 anni, colpisce con maggiore frequenza i soggetti di sesso femminile ed è la causa maggiore di disabilità nelle donne oltre i 65 anni.

Le cifre lo dimostrano: 

  • l’87% delle donne manifesta segni radiologici di artrosi.
  • l’83% degli uomini di età compresa tra i 55 e i 65 anni.

Artrosi O Osteoartrosi: Malattia Sociale

L’artrosi può essere considerata una malattia sociale per l’elevato numero di eventi patologici che determina nella popolazione anziana.

Da una stima della prevalenza delle più frequenti malattie reumatiche in generale (al 2015) si evidenziano questi dati:

  • osteoartrosi
  • reumatismi extra-articolari
  • artrite reumatoide
  • spondilite anchilosante
  • gotta
  • connettiviti
  • reumatismo articolare acuto altre reumopatie

Si può stimare che nel mondo ora siano centinaia di milioni le persone che sono affette da queste patologie ed è ragionevole ritenere che in futuro questo numero sia destinato ad aumentare.

Si prevede infatti che nel 2020 il numero delle persone che avranno un’età superiore a 50 anni sarà il doppio di quello attuale.

Ecco alcuni esempi per dare un’idea della dimensione del problema:

  • il mal di schiena è la seconda causa di assenza dal lavoro
  • nel 2010 il 25% della spesa sanitaria nei paesi in via di sviluppo è stato speso per cure dovute a traumi
  • il numero di fratture dovute all’osteoporosi è almeno raddoppiato nell’ultimo decennio
  • le patologie articolari riguardano la metà di tutte le condizioni croniche che affliggono le persone ultrasessantacinquenni

Sulla base di queste considerazioni è stata istituita recentemente la Bone and Joint Decade (Bjd) un’iniziativa mondiale con il patrocinio dell’Oms e dell’Onu, cui hanno aderito finora 60 governi nel mondo e numerose società scientifiche e istituzioni attive nel settore delle patologie muscoloscheletriche.

Sono stati avviati 58 National Action Networks (i cosiddetti Nan) e inoltre coordinatori nazionali sono presenti in 96 nazioni di tutto il mondo.

I Nan sono sezioni nazionali multidisciplinari che includono organizzazioni di professionisti e di pazienti, società e riviste scientifiche.

La Decade si propone di raggiungere a livello internazionale 4 obiettivi strategici:

  • suscitare la consapevolezza dell’impatto crescente delle patologie dell’apparato muscoloscheletrico sulla società
  • favorire il coinvolgimento del paziente nelle decisioni che riguardano la propria salute
  • promuovere una prevenzione e trattamenti che siano costo-efficaci
  • far progredire le conoscenze delle patologie dell’apparato muscoloscheletrico attraverso la ricerca per migliorarne la prevenzione e il trattamento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

    en English
    X
    Cart